Ad aprile arriva nelle sale PIIGS, un viaggio affascinante nel cuore della tragica crisi economica europea

Un film a metà strada tra Inside Job (documentario del 2010 sulla crisi finanziaria USA) e le storie proletarie di Ken Loach. PIIGS racconta le dirette conseguenze dell’austerity a Roma, concentrandosi sulla storia della sopravvivenza di una Cooperativa sociale che assiste disabili e persone svantaggiate.

PIIGS è un acronimo coniato dalla stampa economica anglosassone che dal 2007 indica i cinque paesi dell’Unione europea ritenuti più deboli economicamente: Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna: è l’evoluzione di PIGS (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna), già in uso sin dagli anni Novanta. La storia è quella di Claudia che sta provando a salvare la Cooperativa “Il Pungiglione” dal fallimento:  nonostante un credito di un milione di euro dal Comune e dalla Regione, rischia di chiudere per sempre. Cento dipendenti perderanno il lavoro e 150 disabili rimarranno senza assistenza.  È vero che nell’Eurozona non c’è alternativa all’austerity, al Fiscal Compact, al pareggio di bilancio, ai tagli alla spesa sociale? Al fallimento del “Pungiglione”?

Ideato, scritto e diretto da Adriano Cutraro, Federico Greco Mirko MelchiorrePIIGS è  un viaggio affascinante e rivoluzionario nel cuore della tragica crisi economica europea. Narrato da Claudio Santamaria e con interviste – tra gli altri – a Noam Chomsky, Yanis Varoufakis ed Erri De Luca, è stato realizzato dai tre filmmaker dopo cinque anni di ricerche e due di riprese.

David Ponnet

COMMENTA